WhatsApp Image 2017-10-24 at 13.28.36

PRIMO PREMIO AL CONCORSO D2T – MY RU BLOCK

I ragazzi dell’Alta formazione professionale del CFP Giuseppe Veronesi vincono il primo premio impresa e innovazione a D2T Cup di Trentino Sviluppo.

 Martedì 24 ottobre si è svolta la finale in cui il progetto My Ru Block (http://myrublock.com/) si è aggiudicato il premio nella categoria green technologies.

D2T Start Cup è una competizione tra progetti d’impresa innovativi che si trovano allo stadio iniziale di sviluppo, è una competizione che viene organizzata da Trentino Sviluppo e che permette l’accesso al Premio Nazionale per l’innovazione.

D2T assegna come premio opportunità di formazione, coaching e denaro ai migliori progetti d’impresa e offre a tutti i partecipanti occasioni di formazione imprenditoriale e manageriale e opportunità di contatti professionali.

Tra i diversi progetti presentati al concorso vi è anche My Ru Block: il project work di Simone Pallaoro, Orges Thika, Kevin Casanova e Nicola Marzari, studenti iscritti al secondo anno del percorso di Alta formazione professionale in Digital Manufacturing Design del Cfp Giuseppe Veronesi.

Il progetto My Ru Block nasce come idea progettuale di studio e ricerca in collaborazione con l’azienda Salvadori s.r.l. di Rovereto.

My Ru Block è una struttura modulare e componibile che si adatta alle esigenze di spazio, è ecologica, insonorizzata e di design. La struttura si compone di piccoli mattoncini che richiamano il design dei lego, facilmente trasportabili e componibili; un prodotto che si presta a diversi utilizzi come ad esempio: allestimenti di stand fieristici vista la facilità di trasporto, organizzazione di spazi di coworking, vista la caratteristica di isolamento acustico, arredamento di ufficio, grazie al design piacevole.

I ragazzi hanno presentato un business plan che racconta gli step fondamentali della realizzazione del loro progetto ed un prototipo di prodotto.

Tra le diverse attività imprenditoriali dell’azienda Salvadori vi è il riciclo degli penumatici e la ricerca di nuovi modi per il loro utilizzo. Partendo da questa necessità gli studenti hanno avviato il processo di indagine e analisi riguardanti le caratteristiche tecniche del prodotto (gli pneumatici) e i modi di riciclo e riutilizzo del materiale.

Indagate e comprese le caratteristiche tecniche la fase 2 del processo del Design Thinking impone un’analisi del mercato per arrivare velocemente alla fase 3, ovvero il prodotto. L’idea vincente il primo premio nella categoria delle Green Technologies consiste nella realizzazione di strutture modulari create grazie al riutilizzo di penuamtici, materiali di difficile ri uso.

Un’idea che oggi ha vinto un premio in denaro di 20.000,00 euro che gli studenti potranno utilizzare per portare avanti il progetto imprenditoriale, un premio che conferma al Cfp Giuseppe Veronesi che l’innovazione apportata nella didattica è una scelta giusta e che deve essere continuamente alimentata per favorire il successo dei propri studenti.

La didattica di tutti i percorsi del Cfp è realizzata attraverso il Design Thinking: è questa una didattica che permette a tutti gli studenti di lavorare in gruppo partendo dall’analisi di un problema reale, aprirsi al territorio, progettare e proporre idee e soluzioni, realizzare un prototipo, costruire, installare e presentare l’esito di un processo ricco, articolato e che ha interessato tutte le discipline nel corso dell’anno.

Attraverso il processo del Design Thinking, guidati dai coach di Pro Academy, esperti consulenti in Design Thinking, gli studenti analizzano, fanno ricerca, propongono, confrontano, costruiscono e valutano mettendo in gioco non solo conoscenze ma anche capacità di problem solving e di gestione di un progetto complesso.